L’Azienda

Le nostre origini

Olearia Manco nasce in Puglia, basso Salento, nel cuore di un territorio legato agli alberi di ulivo, presenti da secoli grazie alle favorevoli e naturali condizioni climatiche.
Una storia di Famiglia

Interamente a conduzione familiare, Olearia Manco, produce e confeziona una gamma esclusiva di olii vergini da olive accuratamente selezionate, al fine di produrre le migliori qualità di D.O.P., BIOLOGICO, Estratti a Freddo, AROMATIZZATI (tutti esclusivamente 100% ITALIANI) in un packaging attraente, studiato per rispecchiare il valore del prodotto.


Blendmaster

Oltre alla produzione del proprio extra vergine di oliva, si è realizzato un laboratorio blendmaster per la creazione dei migliori olii, tramite l’unione di selezioni regionali. Bisogna avere le capacità e le competenze tecniche giuste, per poter unire gusti e caratteri diversi, al fine di creare un prodotto completo e perfetto, non solo nei parametri organolettici, ma anche nei sapori, nei profumi e nei gusti. Non ci sono criteri definiti, madre natura ci fornisce una materia prima sempre diversa. Ogni annata é differente, nonostante le zone e i produttori siano sempre gli stessi, per questo fondamentale è la nostra conoscenza e l’esperienza per il prodotto, al fine di creare ogni anno un’eccellenza per i nostri clienti.


Il nostro toccasana!

L'Olio Extra Vergine di Oliva


L'origine dell'olivo si perde nel tempo. Fossili di foglie di olivo sono stati trovati nei depositi pliocenici a Mongardino in Italia. L'esistenza dell'olivo risale quindi al XII millennio a.C. ma si sosteneva che l'olivo in Italia risalga a tre secoli prima della caduta di Troia (1200 a.C.). Un altro analista romano (Penestrello) difende l'opinione tradizionale secondo cui il primo olivo fu portato in Italia durante il regno di Lucio Tarquinio Prisco (616 - 578 a.C.) possibilmente da Tripoli o Cabes (Tunisia). I romani continuarono l'espansione dell'olivo nei paesi che si affacciano sul Mediterraneo, usandolo come arma pacifica nelle loro conquiste per insediare il popolo. L'olivicoltura fu introdotta in Spagna durante la dominazione marittima dei Fenici (1050 a.C.) ma non si sviluppò in modo degno di nota fino all'arrivo di Scipione (212 a.C.) e della dominazione romana (45 a.C.).

Ora questo albero generoso è la fonte di reddito di oltre sette milioni di famiglie in tutto il mondo Come diceva Buhamel, "il Mediterraneo finisce dove l'olivo non cresce più", il che può essere interpretato dicendo che "Là dove il sole lo permette. l'albero mette radici e guadagna terreno ".

Il frutto dell'oliva è una drupa. Ha una componente amara (oleuropeina), un contenuto zuccherino basso (2,6-6%) rispetto ad altre drupe (12-30%) a seconda del periodo dell'anno e della varietà. Queste caratteristiche ne fanno un frutto che non può essere consumato direttamente dall'albero e deve subire una serie di lavorazioni che differiscono notevolmente da regione a regione, e che dipendono anche dalla varietà. Alcune olive sono, tuttavia, un'eccezione a questa regola perché maturando si addolciscono direttamente sull'albero, nella maggior parte dei casi questo è dovuto alla fermentazione. Un alto contenuto di zucchero nella polpa è un vantaggio. Il livello accettabile più basso è del 4%, soprattutto nelle olive che subiscono la fermentazione. Il contenuto di olio dovrebbe essere il più basso possibile perché in molti casi altera le proprietà di conservazione e la consistenza del frutto lavorato. Solo in alcuni tipi di olive nere è riscontrabile un contenuto di olio medio-alto.


CUCINARE CON L'OLIO

La frittura è una delle poche caratteristiche comuni a tutta l'area mediterranea, sia essa europea, asiatica o africana, e alle tre religioni praticate, cristiana, musulmana ed ebraica. È uno dei metodi più antichi esistenti per cucinare il cibo. Se il cibo fritto viene digerito facilmente o si trova pesantemente sullo stomaco dipende in larga misura dal tipo di olio utilizzato, dalla temperatura dell'olio e dal modo in cui il cibo è stato fritto.

Studi condotti su soggetti sani e pazienti con problemi gastroduodenali (gastrite, ulcera, disturbi al fegato e alle vie biliari) hanno dimostrato che non esiste alcuna relazione tra il cibo fritto nell'olio di oliva e queste malattie.
L'alterazione subita dagli oli vegetali quando riscaldati per la frittura è più rapida e più acidi grassi (oli di semi), e maggiore è l'acidità iniziale dell'olio (è più stabile se ha un alto contenuto di antiossidanti naturali - vitamina E). < / p>

L'olio d'oliva è l'ideale per friggere. In condizioni di temperatura adeguate, senza surriscaldamento, non subisce mutamenti strutturali sostanziali e mantiene il suo valore nutritivo meglio degli altri oli, non solo per gli antiossidanti ma anche per i suoi alti livelli di acido oleico. Il suo punto di fumo elevato (210 ° C) è sostanzialmente più alto della temperatura ideale per friggere il cibo (180 ° C).
Quei grassi con punti critici inferiori, come mais e burro, si decompongono a questa temperatura e formano prodotti tossici.

Un altro vantaggio dell'utilizzo dell'olio d'oliva per la frittura è che forma una crosta sulla superficie del cibo che impedisce la penetrazione dell'olio e ne migliora il sapore.
Il cibo fritto in olio d'oliva ha un contenuto di grassi inferiore rispetto al cibo fritto in altri oli, rendendo l'olio d'oliva più adatto per il controllo del peso.
L'olio d'oliva, quindi, è il mezzo più adatto, il più leggero e il più gustoso per friggere.

Va ​​oltre gli altri oli e non solo può essere riutilizzato più spesso di altri, ma aumenta anche di volume quando viene riscaldato, quindi è necessario meno per cucinare e friggere.

La digeribilità dell'olio d'oliva riscaldato non cambia anche se riutilizzato per friggere più volte.
L'olio utilizzato per la frittura deve essere sempre caldo; se è freddo il cibo assorbirà l'olio.
Ci dovrebbe essere sempre molto olio nella padella quando si frigge.
Se ne usi solo una piccola quantità, non solo si brucerà più facilmente, ma il cibo da friggere risulterà poco cotto sopra e troppo cotto sul fondo

BENEFICI

Gli oli di oliva vergini sono gli oli ottenuti dal frutto dell'olivo esclusivamente con mezzi meccanici o altri mezzi fisici in condizioni, in particolare termiche, che non comportano alterazioni nell'olio e che non hanno subito alcuna trattamenti diversi dal lavaggio, decantazione, centrifugazione e filtrazione. Gli oli di oliva vergini adatti al consumo così come sono includono:

Olio d'oliva e cancro

Numerosi studi di ricerca hanno documentato che l'olio d'oliva riduce il rischio di cancro al seno. Una dieta sana con l'olio d'oliva come principale fonte di grassi potrebbe ridurre notevolmente l'incidenza del cancro. Il motivo è che le mutazioni cellulari causate dal cancro sono in parte dovute a tossine che, se consumate attraverso la dieta, attaccano il DNA. Passando attraverso il fegato, queste tossine producono radicali liberi che poi attaccano & amp; NA. Per combattere questi radicali liberi, il corpo ha bisogno di vitamine e antiossidanti come quelli contenuti nell'olio d'oliva.

Olio d'oliva e pressione sanguigna

Alcuni alimenti possono aumentare la pressione sanguigna oltre ad avere un effetto sul peso corporeo. Insieme al colesterolo alto nel sangue, al fumo di sigaretta, all'obesità e al diabete, è uno dei principali problemi di salute del mondo sviluppato.
Un adulto su quattro è iperteso. Ciò aumenta il rischio di morte prematura a causa del danno alle arterie del corpo, in particolare alle arterie che forniscono sangue al cuore, ai reni, al cervello e agli occhi. L'aggiunta di olio d'oliva a una dieta ha un chiaro effetto di abbassamento della pressione sanguigna. Il consumo regolare di olio d'oliva riduce sia la pressione sanguigna sistolica (massima) che quella diastolica (minima).

Olio d'oliva e obesità

L'obesità è un grave problema di salute in Occidente perché le persone mangiano grandi quantità e fanno poco esercizio fisico. Oggigiorno, soprattutto nelle città, le persone adottano una vita sedentaria e stressante. Oltre la metà della popolazione di alcuni paesi industrializzati è in sovrappeso. L'obesità o il sovrappeso è quando le riserve di energia, principalmente sotto forma di grasso, sono eccessive. È stato dimostrato che una dieta ricca di olio d'oliva porta a una perdita di peso maggiore e più duratura rispetto a una dieta povera di grassi. È accettato meglio perché ha un buon sapore ed è uno stimolo a mangiare le verdure.

Olio d'oliva e malattie cardiovascolari

Le malattie cardiovascolari sono la principale causa di morte nel mondo industrializzato. Numerosi studi hanno documentato che l'arteriosclerosi è strettamente legata alle abitudini alimentari, allo stile di vita e ad alcuni aspetti dello sviluppo economico. La progressione dell'arteriosclerosi dipende da molti fattori: i più importanti sono il colesterolo alto, l'ipertensione, il diabete e il fumo di sigaretta.
"... I tassi più bassi di morte per malattia coronarica si registrano attualmente nei paesi in cui l'olio d'oliva è praticamente l'unico grasso consumato". - Professor Francisco Grande Covian

Olio d'oliva e arteriosclerosi

È stato dimostrato che l'olio d'oliva ha un effetto nel prevenire la formazione di coaguli di sangue e l'aggregazione piastrinica. Le diete ricche di olio d'oliva possono attenuare l'effetto dei cibi grassi nell'incoraggiare la formazione di coaguli di sangue, contribuendo così alla bassa incidenza di insufficienza cardiaca nei paesi in cui l'olio d'oliva è il principale grasso consumato.

Olio d'oliva e colesterolo

L'olio d'oliva abbassa i livelli di colesterolo totale nel sangue. Colesterolo LDL e trigliceridi. Allo stesso tempo non altera i livelli di colesterolo HbL (e può addirittura aumentarli), che svolge un ruolo protettivo e previene la formazione di macchie di grasso. Questi risultati sono molto importanti in considerazione dell'elevata incidenza della depressione nel mondo moderno e del grande rischio che pone nelle malattie cardiache ricorrenti.

Che cos'è il colesterolo?

Il colesterolo è una sostanza grassa contenuta negli alimenti di origine animale. Le diete contenenti una grande quantità di grassi animali aumentano il livello di colesterolo nel sangue, che è uno dei principali fattori di rischio delle malattie cardiovascolari.

Olio d'oliva e diabete

Una dieta ricca di olio d'oliva non è solo una buona alternativa nel trattamento del diabete, ma può anche aiutare a prevenire o ritardare l'insorgenza della dose. In questo modo, previene la resistenza all'insulina che abbassa i trigliceridi e garantisce un migliore controllo del livello di zucchero nel sangue e una pressione sanguigna più bassa.

Olio d'oliva e stomaco

Riduce il rischio di flusso o reflusso di cibo e succhi gastrici dallo stomaco all'esofago, il contenuto gastrico dello stomaco viene rilasciato più lentamente e gradualmente nel duodeno, dando una maggiore sensazione di "pienezza".

Olio d'oliva e pancreas

Produce una piccola quantità di secrezione da parte del pancreas, facendo "lavorare" questo organo poco, ma in modo efficiente e sufficiente per svolgere tutte le sue funzioni digestive.

Olio d'oliva e intestino

Stimola l'assorbimento di vari nutrienti (calcio, ferro, magnesio, ecc.).
L'olio d'oliva, quindi, è un grasso che viene digerito e assorbito molto bene. Ha proprietà scelte e un lieve effetto lassativo che aiuta a combattere la stitichezza e l'alitosi.

Olio d'oliva e pelle

Il tessuto cutaneo subisce una serie di cambiamenti. Fattori esterni, come i raggi solari, accelerano l'invecchiamento generando radicali liberi. L'olio d'oliva contiene una grande percentuale di vitamine A, D e K, oltre alla vitamina E, la principale fonte di protezione contro i radicali liberi che producono l'ossidazione cellulare. Questo lo rende un valido aiuto in terapie specifiche per il trattamento di disturbi della pelle come acne, psoriasi ed eczemi seborroici.

Olio d'oliva e invecchiamento

L'osteoporosi è una riduzione della massa di tessuto osseo che aumenta il rischio di fratture. Esistono due tipi. Il tipo I si manifesta nelle donne di mezza età in post-menopausa e il tipo II negli anziani.
L'olio d'oliva sembra avere un effetto favorevole sulla calcificazione ossea e la mineralizzazione ossea È migliore più olio d'oliva viene consumato. Aiuta l'assorbimento del calcio, svolgendo così un ruolo importante durante il periodo di crescita e nella prevenzione dell'osteoporosi.
Le diete ricche di olio d'oliva possono anche prevenire la perdita di memoria negli anziani sani.

Olio d'oliva durante la gravidanza

Lo sviluppo post-natale dei bambini di madri che hanno consumato olio d'oliva durante la gravidanza è migliore in termini di altezza, peso, comportamento e riflessi psicomotori.
Il feto ha bisogno di vitamina E per crescere. Il neonato ha anche bisogno di una riserva di vitamina E per combattere lo stress ossidativo causato dall'ingresso in un'atmosfera di ossigeno. Pur non essendo molto abbondante nell'olio di oliva, è presente in quantità sufficiente grazie alla resistenza dell'olio di oliva all'ossidazione.
Quindi, sia la quantità che il tipo di cibo consumato nella dieta durante la gravidanza giocano un ruolo fondamentale negli adattamenti metabolici che avvengono nella madre e nel suo rapporto funzionale con il feto.

Olio d'oliva e allattamento

È essenziale mantenere i livelli di questa vitamina durante l'allattamento.
La vitamina E è consigliata anche per i neonati prematuri e neonati con insufficienza renale o pancreatica per via dell'effetto favorevole che ha sul sistema epatobiliare. Il suo rapporto tra acido linoleico e acido linolenico (acidi grassi essenziali) è simile a quello del latte materno. L'effetto benefico dell'acido oleico dura oltre la gravidanza.
L'acido oleico sembra inoltre esercitare un'influenza positiva sulla crescita, sulla mineralizzazione e sullo sviluppo delle ossa durante l'infanzia.

CLASSIFICAZIONI

Gli oli di oliva vergini sono gli oli ottenuti dal frutto dell'olivo esclusivamente con mezzi meccanici o altri mezzi fisici in condizioni, in particolare termiche, che non comportano alterazioni nell'olio e che non hanno subito alcuna trattamento diverso dal lavaggio, decantazione, centrifugazione e filtrazione.

Gli oli di oliva vergini adatti al consumo così come sono includono:

OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA

Olio di oliva vergine avente un'acidità libera, espressa in acido oleico, non superiore a 0,8 grammi per 100 grammi e le cui altre caratteristiche corrispondono a quelle fissate per questa categoria.

OLIO DI OLIVA VERGINE

Olio di oliva vergine che ha un'acidità libera, espressa come acido oleico. di non più di 2 grammi per 100 grammi e le cui altre caratteristiche corrispondono a quelle fissate per questa categoria.

OLIO VERGINE DI OLIVA ORDINARIO

Olio di oliva vergine che ha un'acidità libera, espressa come acido oleico. di non più di 3,3 grammi per 100 grammi e le cui altre caratteristiche corrispondono a quelle fissate per questa categoria.

L'OLIO DI OLIVA VERGINE NON È ADATTO AL CONSUMO COSÌ COM'È

Olio di oliva vergine denominato lampante, è un olio di oliva vergine avente un'acidità libera, espressa in acido oleico, superiore a 3,3 grammi per 100 grammi e / o le cui caratteristiche organolettiche e altre caratteristiche corrispondono a quelle fissate per questa categoria in questo standard. È inteso per raffinare o per uso tecnico.

OLIO DI ROSA D'OLIVA

Olio ottenuto trattando la sansa di oliva con solventi o altri trattamenti fisici, ad esclusione degli oli ottenuti da processi di riesterificazione e di qualsiasi miscela con oli di altra natura.